AGGIORNAMENTI

:: Ringraziamenti...
Voglio ringraziare...
- la tipografia CENTRO STAMPA di Terlizzi per la fornitura gratuita delle locandine da affiggere in città.
- l'azienda GIARDINI RUBINI di Calendano (Ruvo di Puglia) per il finanziamento della stampa degli adesivi del progetto.


:: NOVITA': gli annunci non solo su internet ma anche per strada...
Grazie ad un accordo col sito NonSoloQuiz.it i bar che vogliono offrire un innovativo servizio "Green" ai propri clienti, possono utilizzare un software che trasmette ai cellulari di clienti e passanti una sorta di volantino digitale contenente annunci e informazioni utili, prelevati da LoRegaloMaNonLoButto.it. La trasmissione è gratuita e avviene tramite bluetooth. Il volantino salvato sul proprio cellulare può essere rivisto comodamente o trasmesso ai cellulari di amici e colleghi, sempre tramite bluetooth e sempre gratuitamente.
Qui un video preliminare del funzionamento del software:



:: Differenze LoRegaloMaNonLoButto con i gruppi di donazione Facebook
Donare è sempre un gesto lodevole, in qualsiasi modo si faccia. La cosa che fa rabbia è la "stronzaggine" della gente che ne approfitta della buona fede degli altri.
Facebook non permette la verifica dell'identità degli utenti. Ci sono utenti che creano vari account finti per prendere più oggetti possibili dai gruppi che fanno donazioni, per poi rivendere gli oggetti nei tanti mercatini. Lo scorso Dicembre, vicino Roma, hanno beccato uno di questi stronzi che gestiva un mercatino dell'usato nella capitale, ed aveva creato un gruppo di donazione (finto) per accedere più facilmente alle donazioni. Lo hanno scoperto solo perchè pizzicato a scaricare illegalmente quintali di spazzatura (non differenziata) nei bidoni. Era tutto quello che non riusciva a vendere o riteneva invendibile. Oltre al danno la beffa.
Dal 2011 osservo ed analizzo i pro e i contro dei vari strumenti informatici che permettono di donare. Facebook può essere considerato più "friendly" perchè molti utenti lo utilizzano quotidianamente ma per contro TUTTI i gruppi di donazione hanno problemi con gli utenti "furbi" che, anche se cacciati dal gruppo, si ripresentano sotto altro nome, poi non è possibile effettuare ricerche perchè gli oggetti vengono inseriti sequenzialmente senza alcune suddivisione per categoria. Con Facebook si rischia di donare a persone "col braccino corto" e non a famiglie realmente bisognose; chi ha un computer ed una connessione costante ad internet sta sicuramente meglio di chi non può accedere ad internet.

:: Videomessaggio
Se puoi, condividilo pure. Grazie




:: Il primo video di sensibilizzazione.
Ho creato il primo video di sensibilizzazione al problema dello smaltimento dei rifiuti. Oltre a condividerlo su internet vorrei propiettarlo per strada, nel nord barese. Qualche giorno fa ho presentato il progetto all'associazione 'Bianco su Nero' di Ruvo di Puglia. Adesso vedremo cosa fare insieme. Se puoi, condividi il video dove vuoi. Grazie.




:: Prima di elencare quello che puoi fare per il progetto vorrei ricordare i motivi per cui è nato:
1)Informare e sensibilizzare sulle possibilità di riuso e riciclo dei materiali.
2)Sottolineare i pericoli per la nostra salute scaturiti dal cattivo smaltimento dei rifiuti.
3)Fornire uno strumento moderno, utile ed immediato per il riuso e riciclo.
4)Promuovere un comportamento più responsabile verso l'ambiente, per il benessere di tutti.
5)Aiutare le famiglie meno abbienti, soprattutto perchè diventino promotrici di comportamenti più rispettosi dell'ambiente.
6)Promuovere la cooperazione della cittadinanza e la tolleranza verso persone di razza e ceto diverso.

COME PUOI PARTECIPARE ATTIVAMENTE AL PROGETTO?
1)Puoi utilizzare il sito inserendo gli oggetti che non usi più, evitando di farli diventare spazzatura.
2)Puoi cercare, a partire da parenti ed amici, persone che vogliano condividere con te questa iniziativa.
4)Puoi recarti presso le parrocchie e le associazioni del tuo paese per presentare l'iniziativa ed invitarli a partecipare, diventando GreenPoint.

:: Ogni tanto mi sono chiesto se fra le associazioni che raccolgono indumenti usati porta a porta si nascondesse qualche furbetto che ne facesse un commercio; ieri ho avuto la triste conferma che purtroppo succede. L'ho appreso seguendo il TG ed ho trovato vari articoli sui giornali on-line, ad esempio su Il Mattino (clicca qui).
Si tratta di materiale sottratto comunque alle discariche, ma non è piacevole scoprire che non viene destinato a persone bisognose ma serve ad arricchire la malavita. Forse un altro buon motivo per usare sistemi come LoRegaloMaNonLoButto, meglio sapere a chi facciamo un dono.
Massimiliano Gadaleta